Rete regionale DCA

La Regione Veneto, tra le prime in Italia, con DGR n. 3540 del 19 ottobre 1999 ha emanato un “Atto di indirizzo e coordinamento per l’avvio sperimentale di un sistema di interventi in materia di Disturbi del Comportamento Alimentare” che, tra le altre cose, prevedeva l’organizzazione di una rete di servizi per la diagnosi e cura dei DCA attraverso l’attivazione in ogni provincia (di norma nell’ambito delle Aziende ULSS capoluogo e, nel caso di Padova e Verona, presso le due Aziende ospedaliere) di un Centro di Riferimento Provinciale per i DCA (CPD). Inoltre, con la stessa DGR ai CPD localizzati all’interno delle Aziende ospedaliere di Padova e Verona, sedi di Facoltà di Medicina, venivano attribuiti compiti di Centro Regionale per i DCA. Infine, lo stesso provvedimento prevedeva l’attivazione presso ogni Azienda ULSS di un ambulatorio multiprofessionale per la diagnosi ed il trattamento dei DCA, in collegamento con i Centri per i DCA del territorio. Questa impostazione è stata successivamente confermata sia dal Progetto Obiettivo Regionale per la tutela della Salute mentale – triennio 2010-2012, approvato con DGR 651 del 9 marzo 2010, che dagli Indirizzi alle Aziende ULSS e Ospedaliere del Veneto in materia di DCA, emanati con DGR n. 94 del 31 gennaio 2012.

Il testo dei provvedimenti regionali in materia e i report delle attività svolte all’interno della Rete Regionale per l’assistenza ai pazienti affetti da Disturbi dell’alimentazione sono disponibili sul sito della Regione Veneto:

http://www.regione.veneto.it/web/sanita/disturbi-del-comportamento-alimentare-dca